Francesca Socrate

Laureata in Filosofia con una tesi in storia moderna sotto la direzione di Rosario Romeo (Facoltà di Lettere e Filosofia, Università di Roma “La Sapienza”), ricercatrice (1981-2003) e successivamente professore associato dal 2004 al 2015 nel Dipartimento di storia moderna e contemporanea della Sapienza (oggi Dipartimento di Storia, Culture, Religioni), mi sono occupata inizialmente di questioni relative allo sviluppo del settore agricolo in età liberale e fascista, pubblicando sul tema Ristagno e sviluppo nel settore agricolo italiano (1918-1939), “Quaderni Storici”, 29/30, 1975, (in collaborazione con A. Cadeddu e S. Lepre) e L‘organizzazione padronale agraria nel periodo giolittiano, “Quaderni Storici”, 36, 1977.

Mi sono poi dedicata allo studio della visibilità sociale e dell‘autorappresentazione del ceto medio, con alcuni saggi (Aurea mediocritas: appunti per una storia dell‘autorappresentazione dell‘impiegato moderno, “Dimensioni e problemi della ricerca storica”, 2, 1989; Tipologie e destini d‘impiegati nella letteratura dell‘Italia liberale, in Marco Soresina (a cura di), Colletti bianchi. Ricerche su impiegati funzionari e tecnici in Italia fra ‘800 e ‘900, Milano, 1998; Entre les mots et les choses: l‘identité des classes moyennes, in Paul Guillaume (sous la direction de), Histoire et historiographie des classes moyennes dans les sociétés développées, Talence, 1998; mentre più vicino a un taglio di storia sociale è il saggio sulle borghesie italiane in età liberale, Borghesie e stili di vita, in G. Sabbatucci e V. Vidotto (a cura di), Storia d‘Italia, vol. III, Roma-Bari 1995.

Nel quadro di un lavoro di ricerca e riflessione sulla crisi del paradigma ottocentesco nel passaggio al nuovo secolo, nel 2003 ho pubblicato Autoritratto dell‘Ottocento. La retorica del primo secolo moderno, Roma. E in questa luce ho successivamente lavorato sul rapporto tra il successo della commedia borghese e le trasformazioni materiali e culturali nell’Italia fin du siècle, pubblicando Commedia borghese e crisi di fine secolo nel volume a cura di C. Sorba, Scene di fine Ottocento. L’Italia fin de siécle a teatro, Roma 2004.

Sono arrivata alla storia orale solo da una decina di anni, da quando ho iniziato una ricerca sul Sessantotto italiano ancora in corso. Nella cornice di un lavoro che ha al suo centro una storia sociale dei movimenti di fine anni 60, l’uso delle fonti orali si è poi andato focalizzando per me su aspetti di metodo e teorici legati alla loro interpretazione, a partire dall’impiego di programmi di linguistica computazionale nell’analisi delle interviste raccolte.

Aree di ricerca attuali:

Politica, antipolitica, movimenti; generazioni e culture giovanili tra gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta del XX secolo.

Tra le mie pubblicazioni più recenti su questi temi:

“L’unica cosa concreta che hai in mano è il racconto”. Intervista a Bruno Bonomo e Sandro Portelli su storia orale e generazioni, “Italia Contemporanea”, agosto 2014, 275;

Le fonti orali alla prova della Linguistica dei Corpora, in Francesca Socrate, Carlotta Sorba (a cura di), Tra linguistica e storia: incroci metodologici e percorsi di ricerca. Interventi di Jean-Philippe Genet,  Michele A. Cortelazzo, Jacques Guilhaumou, Pietro Trifone, Marta Margotti, Rachele Raus, Francesca Socrate , in “Contemporanea” 2/2013;

Maschile e femminile: memorie del ’68, in B. Bonomo, F. Bartolini, F. Socrate (a cura di), Lo spazio della storia. Studi per Vittorio Vidotto, Laterza, Roma-Bari 2013;

Le differenti gioventù del ’68, in Uguaglianze/differenze. Riflessioni per Anna Rossi-Doria, L’annale Irsifar, Franco Angeli, Milano 2013;

Classici e romantici. Le generazioni del ’68 nel racconto di sé: un’analisi linguistica, in P. Capuzzo, C. Giorgi, M. Martini, C. Sorba (a cura di), Pensare la contemporaneità. Studi di storia per Mariuccia Salvati, Viella, Roma 2011;

la cura di due volumi Un altro Sessantotto. La protesta nella memoria dei docenti dell’Università di Roma “La Sapienza”, Roma 2009;

Una morte dimenticata e la fine del Sessantotto, in “Dimensioni e problemi della ricerca storica”, 1, 2007.

Faccio parte della redazione della rivista del Dipartimento di storia moderna e contemporanea “Dimensioni e problemi della ricerca storica”, sono stata membro dei collegi dei docenti del Dottorato di ricerca su “Società, politica e culture dal tardo Medioevo all’età contemporanea”, e del Dottorato in “Scienze Storiche, Antropologiche e Storico-religiose”. Collaboratrice dal 1981 al 2007 della redazione storica dell’Enciclopedia Italiana, per le cui opere ha scritto numerose voci firmate, sono membro del direttivo dell’Istituto romano per la storia d’Italia dal fascismo alla Resistenza (Irsifar).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *