“Il lungo Sessantotto: politica, società, cultura nell’Italia che cambia (1968-1977)”, maggio 2017

ASSOCIAZIONE CULTURALE ARABA FENICE – CENTRO STUDI LUIGI DI ROSA

CALL FOR PAPERS PER IL SEMINARIO: “Il lungo Sessantotto: politica, società, cultura nell’Italia che cambia (1968-1977)”, MAGGIO 2017

L’Associazione Culturale Araba Fenice e il Centro Studi Luigi Di Rosa bandiscono, in occasione della 7ª edizione del premio nazionale di storia contemporanea Luigi Di Rosa, una call for papers per il secondo ciclo di seminari dal titolo: “Il lungo Sessantotto: politica, società, cultura nell’Italia che cambia (1968-1977)”.

L’iniziativa si rivolge con spirito di apertura interdisciplinare al mondo degli studiosi del periodo in oggetto, sia sul piano italiano che internazionale, e in primo luogo, ma non esclusivamente, a junior researchers (dottorandi, dottori di ricerca e ricercatori) con l’obiettivo di creare occasioni di confronto e discussione attraverso l’analisi dei contributi che i nuovi studi stanno fornendo all’avanzamento delle conoscenze storiografiche. Particolare attenzione verrà riservata a quei lavori di ricerca in grado di mettere a fuoco le dinamiche politiche, sociali ed istituzionali che hanno caratterizzato la storia repubblicana in relazione a più vasti processi globali.

Il seminario si propone tra le altre cose di indagare:

1) Il rapporto tra istituzioni, movimenti e società in relazione ai mutamenti che attraversarono l’Italia repubblicana. Muovendo dall’incubazione del Sessantotto, si vogliono analizzare i fattori che ne determinano la lunga scia degli anni settanta, la radicalità e la persistenza.

2) Il dibattito in seno ai partiti, ai sindacati, al mondo della cultura sui nuovi fenomeni di mobilitazione giovanile e nelle fabbriche, nonché la loro percezione e rappresentazione pubblica.

3) Le interazioni internazionali del “lungo Sessantotto”, sia nel senso dei rapporti tra le organizzazioni della sinistra a livello europeo, sia nel quadro degli equilibri della “guerra fredda”.

4) Il piano dei mass media, del cinema, dei linguaggi artistici e letterari. Si intende stimolare una riflessione critica sulle modalità adottate dal giornalismo d’inchiesta, dai reportage televisivi, dal cinema civile e dalle diverse espressioni dell’arte e della letteratura, per rappresentare le trasformazioni dei costumi giovanili, lo scontro generazionale, la saldatura della protesta col movimento operaio, le degenerazioni in termini di violenza politica.

5) Si ricercano proposte tese a valorizzare una metodologia storica di taglio internazionale, transnazionale e comparativo. Saranno inoltre presi in considerazione studi che privilegiano le dinamiche centro/periferia e l’analisi di case studies.

I candidati posso inviare il proprio c.v. in forma breve e le proposte (un abstract di 1000 caratteri spazi inclusi) entro il 31 marzo 2017 ai seguenti indirizzi e-mail: gianlucafiocco@tiscali.it; e.taviani@unict.it; gcmancini@yahoo.it.

Ai relatori verranno garantiti vitto e alloggio a Sezze.

In base alle effettive disponibilità l’organizzazione si riserverà di contribuire in parte o integralmente alle spese di viaggio sostenute dai relatori. Il premio di storia contemporanea Luigi Di Rosa si svolgerà dal 9 al 28 maggio a Sezze (LT). La data dell’incontro seminariale, che si terrà a Sezze (LT), via Diaz n° 25, sarà fissata nell’ambito di tale arco temporale.

Comitato scientifico: Rino Caputo, Gianluca Fiocco, Gian Carlo Mancini, Silvio Pons, Ermanno Taviani

Comitato organizzativo: Gianluca Fiocco, Gian Carlo Mancini, Ermanno Taviani

Contatti: gianlucafiocco@tiscali.it; e.taviani@unict.it; gcmancini@yahoo.it Cell. +39 335 6588757 Gian Carlo Mancini; 340 4996105 Ermanno Taviani; 338 1189359 Gianluca Fiocco